In primo piano · Libro d’artista

La “Commedia” miniata: intervista a George Cochrane

interview in English

E’ stato appena pubblicato l’Inferno dantesco di George Cochrane, interamente scritto e illustrato a mano. Ci sono voluti sette anni per completarlo e il risultato è un lavoro di una finezza straordinaria che si può in qualche modo collegare alla grande tradizione manoscritta. Come ha detto Simone Casini nella sua intervista con Cochrane, il libro sarà pubblicato in edizioni limitate.

Sei arrivato alla fine di questo percorso: come ti senti riguardo al risultato finale? È come lo avevi immaginato all’inizio?

Prima che l’Inferno fosse pubblicato in un unico volume, non potevo sapere come il mio lavoro si sarebbe trasformato nel libro finito. Sto completando solo ora l’artwork per Paradiso, quindi è difficile immaginare pienamente il risultato finale. Tuttavia, sono stati realizzati dei prototipi delle varie versioni e i risultati sono sorprendenti. La notevole collaborazione che ho avuto con la designer, Giulia Fogliani di Facsimile Finder, ha creato i volumi più belli che si possano immaginare. Mentre io controllavo rigorosamente l’artwork e il design delle pagine, non avevo un’idea iniziale per le copertine e le rilegature. Giulia aveva idee innovative e chiare fin dall’inizio. Ha guardato le immagini che avevo fatto di Dante al di fuori delle pagine dei libri, come i miei dipinti e disegni. Mi ha chiesto di fare lavori specifici per creare le immagini finali. Anche le idee sul colore e sulla rilegatura sono nate dall’editore. Ero entusiasta del risultato.

Si potrebbe dire che con il tuo lavoro hai sperimentato la vita degli scriptores. Quanti errori, più o meno, hai fatto? E cosa facevi in quei casi?

La regola generale nell’epoca medievale e oggi è che gli scriptores fanno un errore per pagina. Ho scoperto che questo è vero. Ho fatto molti più errori nell’Inferno che nei cantici successivi, man mano che la mia abilità migliorava. La gravità dell’errore, la facilità con cui poteva essere corretto sulla pagina e il momento in cui scoprivo l’errore determinavano la soluzione. Se prendevo l’errore per tempo, potevo grattare via la lettera sbagliata e scrivere quella corretta. Ma a volte il graffio necessario per cancellare la lettera danneggiava troppo la carta. La correzione risultante sanguinava nella carta, attirando l’occhio del lettore sull’errore. In questo caso, e con altri errori non correggibili, facevo una pagina completamente nuova. In alcuni casi, gli errori erano troppo gravi o scoperti troppo tardi per correggere il manoscritto. Le scansioni delle lettere corrette sono state aggiunte digitalmente alla versione pubblicata.

Nell’intervista con Simone Casini hai menzionato alcuni dei fumetti che hai scoperto e amato: ce n’è uno, o più di uno, che ha influenzato il tuo modo di disegnare?

L’arte fumettistica di Wallace “Wally” Wood che è apparsa su Entertaining Comics (E.C.) ha avuto il maggiore impatto su di me. Inoltre, Will Eisner, Alex Raymond e Milton Caniff hanno plasmato la mia visione. Hugo Pratt e altri artisti della E.C. sotto l’incantesimo di Caniff come Harvey Kurtzman, Jack Davis, Bill Elder, e Graham “Ghastly” Ingles hanno anche profondamente influenzato il mio lavoro.

Parlando dei colori, il testo è completamente nero mentre i titoli dei canti sono in rosso, come la rubrica medievale. Per questa parte è come se avessi voluto fare qualcosa di simile a un manoscritto. È lo stesso per i colori delle illustrazioni? O le hai completate in un modo più “moderno”?

Volevo che la pagina prendesse la forma di un manoscritto medievale miniato: 42 linee per pagina, lettere di piombo rubricate e illustrazioni su ogni pagina. Per rendere le pagine più coerenti con l’epoca di Dante, ho usato solo i colori disponibili all’epoca, spesso forniti da Zecchi a Firenze. Per esempio, la rubricatura usa un’antica ricetta di carminio. Gli altri colori sono fatti con antichi pigmenti puri. La “modernizzazione” include il carattere comico e i riferimenti visivi di tutti i 700 anni di storia dell’arte ispirata alla Commedia.

 

Farai anche il Purgatorio e il Paradiso: sarà un lavoro enorme e immagino avrai bisogno di molto materiale. Come farai? Hai qualche fundraising o qualcosa di simile?

In realtà, ho completato il Purgatorio durante le prime fasi del lockdown per il COVID-19 a New York City. Ora sono al lavoro sul passo finale, realizzando le illustrazioni per il Paradiso. Per quanto riguarda le risorse, ho accumulato una biblioteca che ha influenzato le mie decisioni artistiche. Questa biblioteca include facsimili di incunaboli e manoscritti (miniati e non), monografie di artisti, prime edizioni della Commedia, cioè di Ebba Holm, Manfredo Manfredini e Gustave Dore, studi accademici e indagini. Non ho ricevuto alcun finanziamento o pagamento per nessuno dei miei lavori, nemmeno dalle vendite dell’Inferno. Ho ricevuto invece copie del libro. La pubblicazione dell’edizione sarà realizzata attraverso la piattaforma di crowdfunding Kickstarter. Come Dore, dopo aver autofinanziato la pubblicazione del suo Inferno, spero di recuperare alla fine le mie spese, anche se il mio scopo principale è stato quello di realizzare l’opera e vederla pubblicata.

Ho visto che hai preparato una copia dell’Inferno per la mostra al Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria. Hai intagliato il legno per questo: come hai fatto? C’è una storia dietro questa scelta, la scelta del tipo di legno, o dietro tutta questa copia? Ho visto anche che il legno si è rotto e hai dovuto rimetterlo insieme: come ti è venuta l’idea di mettere nove graffette, una per ogni cerchio dell’Inferno?

Volevo fare una copia unica dell’Inferno, a partire dalla copertina e dalla rilegatura. Ho visitato una falegnameria vicino al mio vecchio studio. Ho chiesto il legno più vecchio che avevano, qualcosa di speciale, uno con la sua storia. Le tavole erano “troppo spesse” per le tradizionali copertine in legno, ma ho collaborato con un’incredibile rilegatrice di libri, Celine Lombardi, che mi ha detto che poteva lavorarci indipendentemente dalle loro dimensioni. Ho intagliato il legno molte volte facendo stampe , ma questo sarebbe stato diverso. Il vecchio legno aveva una “mente propria” e non avrebbe sopportato alcun disegno intricato. Invece, ho scelto un semplice motivo rappresentante la selva oscura e ho intagliato la copertina. Quando ho levigato il verso per ricevere un motivo dipinto, il legno si è spaccato in due pezzi. Volevo che la riparazione avesse una potenza diversa, così oltre alla colla per legno ho scelto le graffette pesanti che uso per tendere una tela.
Una volta trovata la soluzione, ho deciso che avrei usato una graffetta per rappresentare ogni livello dell’Inferno. Le graffe formano anche una scala che rispecchia la discesa di Dante e Virgilio. Poi, nel dorso in pelle rossa, ho disegnato il motivo diviso in tre sezioni, una per cantico. All’interno di ogni sezione, ho messo tre cerchi concentrici. Dieci piccoli cerchi sono disposti intorno a questi gruppi e assegnando un numero ai cerchi in base alla loro dimensione si ottiene un totale di 100, il numero dei canti della Commedia. Sul retro della copertina il disegno delle venature del legno suggerisce una cascata. Una ferita nel legno, dove un tempo era attaccato un fermaglio o una cerniera, ora mi sembrava avere la forma di Gerione, che volava sotto le cascate. Ho colorato la sua immagine nel libro, e ha soprannominato l’edizione “Geryon”.                                                   

Ci sono delle differenze tra come hai fatto l’Inferno e come stai facendo il Purgatorio e il Paradiso? Ci sono cose che hai imparato dalla tua prima esperienza che ti hanno fatto fare delle modifiche?

Il mio approccio ad ogni cantica è stato unico. Con l’Inferno, creato per primo, ho deciso di guardare ai 700 anni di arte ispirati dalla Commedia. Da queste numerose fonti, sia famose che meno conosciute, ho popolato il mio paesaggio infernale con citazioni, “correzioni” e persino battute (trovo che Dante sia molto divertente nonostante il suo contegno grave). Ho anche realizzato l’Inferno sotto una pressione insolita. Nella primavera del 2017 ho saputo che avrei avuto una mostra a tema Dante a Brooklyn in autunno. Avrebbe incluso la mia Graphic Novel in corso Long Time Gone, disegni, dipinti, l’arte originale e il manoscritto dell’Inferno. Ho chiesto all’editore quando avrebbero avuto bisogno del mio lavoro completo per pubblicare i libri in tempo per la mostra. Mi dissero che avevo sei settimane. In un turbine di creatività, ho disegnato più di 230 pagine in sei settimane, spesso dovevo produrre arte per un intero canto di tre o quattro coppie di pagine al giorno. La mia soluzione era quella di creare un ritmo visivo che scorreva da pagine piene di dettagli complicati e figure multiple a pagine più scarsamente illustrate. Il lettore può ora sperimentare questo cambiamento ritmico della densità visiva. Ho seguito questo modello per ogni cantica successiva.
Ho fatto il Purgatorio in circostanze molto diverse. L’editore originale ha deciso di non pubblicare la Commedia completa. Ho dovuto decidere di andare avanti se volevo che l’opera fosse pronta per il 2021, con o senza garanzia di pubblicazione. Libero da una data di pubblicazione, ho realizzato Purgatorio in sei mesi durante il blocco COVID-19 a New York City. Il mio approccio alla realizzazione dell’arte per Purgatorio è stato essenzialmente lo stesso della prima cantica.
Il Paradiso è tutta un’altra storia. Sapevo di dover cambiare il mio modo di pensare per la cantica finale, la più “astratta”. Nell’Inferno e nel Purgatorio Dante descrive spesso la sua realtà visiva in dettaglio, rendendo chiaro il lavoro dell’illustratore. Tuttavia nel Paradiso tenta di descrivere l’indescrivibile, creando maggiori sfide interpretative per l’artista.
Ad essere onesti, per molto tempo non ho avuto una soluzione. Sapevo che non poteva emergere dal lavoro di altri artisti come nell’Inferno e nel Purgatorio. Dovevo fare qualcosa di nuovo. La mia prima idea fu quella di popolare le immagini con le decorazioni a mosaico delle chiese di Ravenna. Volevo che il lettore “vedesse” il paradiso con la stessa iconografia che aveva ispirato il Paradiso di Dante. Ma avevo ancora bisogno di una cornice per organizzare gli elementi visivi.

La musica nella Commedia gioca un ruolo importante facendo da eco ai temi centrali di ogni cantica. Nell’Inferno si sentono solo frammenti di musica; per il Purgatorio, la musica è creata da cori all’unisono, e nel Paradiso dalla polifonia. Con questa intuizione, sto tracciando il viaggio celeste di Dante e Beatrice attraverso una visualizzazione della musica, la notazione musicale. Di nuovo, sto guardando a come la musica appariva ai tempi di Dante. Sto, in effetti, “componendo” una partitura visiva di corpi celesti per, come fa Dante, portare il lettore in un regno finora inedito.

emanuela.monini@outlook.it

 

L'autore

Emanuela Monini
Emanuela Monini
Emanuela Monini (1997) ha conseguito la laurea triennale in Filologia Romanza presso l'Ateneo degli Studi di Perugia. dove frequenta anche i corsi della magistrale.

One thought on “La “Commedia” miniata: intervista a George Cochrane

Comments are closed.