Libro Futuro

Editoria e digitale. Una riflessione sulle nuove tecniche di riproducibilità del prodotto artistico, di Attilio Castellucci

Come già accaduto a suo tempo con quello musicale, si tende a dare la colpa della crisi del mercato editoriale allo scaricamento illegale dei testi. In realtà, trovo un po' noioso questo piangersi addosso per non ricercare i reali motivi del calo di vendite; come avveniva per il cinema prima e poi per la musica, una flessione negativa si era cominciata a registrare già anteriormente alla diffusione della rete e dell'elettronica applicata alla riproducibilità artistica.

conversando con...

Gabriele De Veris intervista Renato Salvetti

In effetti quotidiani, riviste e libri sono tre prodotti editoriali che spesso si rivolgono a pubblici differenti, e soddisfano bisogni informativi/ludici/professionali diversi. Anche i modelli tradizionali di business che nel tempo si sono radicati sono molto differenti e il digitale ha impattato su questi con modi e tempi diversi. Per fare un esempio quasi metà dei ricavi delle testate quotidiane e periodiche sono rappresentati dalla raccolta pubblicitaria che valorizza meno le copie digitali rispetto a quelle cartacee.