Ana Maria Machado, Bisa Bia, Bisa Bel, Rio de Janeiro, Salamandra, 1982

Considerato uno dei classici fondamentali della letteratura brasiliana per l’infanzia e vincitore di numerosi premi, Bisa Bia, Bisa Bel (1982) di Ana Maria Machado (premio Hans Christian Andersen – 2000; premio Machado de Assis – 2001) è già stato tradotto in diverse lingue. Isabel, voce narrante e protagonista della storia, intreccia la sua esistenza a quelle, immaginate, della bisnonna e della pronipote. Grazie al dialogo tra presente, passato e futuro, Isabel prende coscienza di sé, costruendo un proprio modo di essere, diverso da quello di chi l’ha preceduta e di chi deve ancora venire. Grazie ad una lingua semplice e coinvolgente, senza cadere mai in un pedagogismo pedante, Ana Maria Machado incoraggia il lettore a riflettere in modo critico circa le numerose problematiche affrontate nel romanzo, come il ruolo della donna nella società o il passaggio dall’infanzia all’adolescenza.

 

Lingua originale: Portoghese
Sito casa editrice: http://www.moderna.com.br; http://www.salamandra.com.br/
Giulia Bortolami: giulia.bortolami@gmail.com