In primo piano · Libro Futuro

“Bibliotecas motores del cambio”. Strategie e prospettive future delle biblioteche. Mario Coffa intervista Glòria Pérez-Salmerón (Presidente IFLA)

Glòria Pérez-Salmerón è Presidente della IFLA, Federazione Internazionale delle Associazioni e Istituzioni Bibliotecarie (https://www.ifla.org/), nonché Presidente della Federazione Spagnola di Archivisti, Bibliotecari, Documentalisti e Museologi (FESABID). Tra il 1992 e il 2001, ha diretto per la prima volta la Biblioteca urbana centrale di Casacuberta di Badalona, e ha anche coordinato le biblioteche del comune di Barcelonés, e allo stesso tempo è stata delegato presso l’UNET (UNESCO Model Library Network Network). È anche vicepresidente dell’Ufficio europeo delle biblioteche, associazioni di informazione e documentazione (EBLIDA) e membro del comitato direttivo della Biblioteca Europea (TEL). Nel luglio 2010 è stata Direttore della Biblioteca Nazionale di Spagna (BNE).

Interview in English

Vorrei partire dalla frase che hai inserito sulla tua pagina social di Facebook: “Bibliotecas motores del cambio”. Cosa significa per te?

“Libraries: Motors of Change” è il mio motto come presidente IFLA. C’è un messaggio profondo nel mio programma espresso brevemente in questo motto. Sono assolutamente d’accordo con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e al modo in cui le biblioteche possano essere le principali porte d’ingresso per accedere alle informazioni e per ottenere un vero cambiamento sociale. Le comunità tra le biblioteche possono connettersi; permettono di ottenere un accesso significativo alle informazioni per migliorare la propria vita. E noi, bibliotecari, abbiamo un ruolo importante per sviluppare le nostre comunità di utenti, quindi le nostre società.

È stato molto interessante leggere il documento “Development and Access to Information 2019 (DA2I 2019 Report)”; nell’ambito delle biblioteche quali sono le novità e quali saranno gli scenari futuri in termini di accessibilità?

È molto piacevole vedere che sei veramente aggiornato su ciò che IFLA sta facendo. Sviluppo e accesso alle informazioni (DA2I) è una serie di rapporti, guidati dall’IFLA in collaborazione con il Gruppo di Tecnologia e Cambiamento Sociale (Technology and Social Change Group) e l’ Università di Washington (TASCHA), che monitorano i progressi compiuti dai paesi verso l’adempimento del loro impegno a promuovere un accesso significativo alle informazioni (A2I) come parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. In risposta all’impegno dei governi a promuovere un accesso significativo alle informazioni (A2I) come parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, il rapporto fornisce una serie di indicatori di quanto bene i paesi stanno facendo. Guardando a quattro diversi pilastri dell’accesso – connettività, norme sociali e culturali, competenze e normative – il rapporto offre approfondimenti sulle diverse dimensioni di un accesso significativo alle informazioni. Basandosi sulla ricca esperienza dell’IFLA, viene inclusa anche una particolare attenzione per le biblioteche, condividendo studi di casi valutati su come promuovere società più inclusive a livello sociale ed economico. Quindi significa che il ruolo dell’informazione nelle nostre società non è mai stato maggiore. È un fattore abilitante, una materia prima, una fonte di innovazione e creatività. Offrire a tutti l’accesso all’informazione significa garantire a tutti l’opportunità di imparare, crescere e prendere decisioni migliori per se stessi e per coloro che li circondano. E con il rapporto del 2019 presentato il 23 maggio 2019, durante la riunione del Presidente IFLA a Buenos Aires in Argentina, vorremmo sottolineare come le biblioteche possono fare la differenza in termini di accesso dato a tutti senza alcuna distinzione, per contribuire al progresso di un accesso significativo alle informazioni che democratizza l’accesso come paradigma dello sviluppo.

Una domanda che ho fatto già ad altri colleghi: secondo te, appurando il valore ormai riconosciuto di questo nobile mestiere, cosa è necessario fare per ottenere il riconoscimento della professione di “bibliotecario” in ambito professionale e quindi lavorativo e contrattuale?

Immagino che la mia risposta sul valore di noi bibliotecari, in quanto professionisti dell’informazione, sia davvero ben collegata all’offerta e alle risposte che possiamo dare alle richieste della società. Dal mio punto di vista, le nostre azioni riguardanti le informazioni delle persone devono far crescere il loro mondo dell’informazione o il loro benessere, tutti i tipi di persone, intendo, dai ricercatori ai cittadini in generale, ci porteranno ad una posizione più elevata in quanto le persone ci apprezzeranno per i buoni risultati che possiamo loro fornire.

Digitale e biblioteche digitali: stiamo andando nella direzione giusta? Che scenari prevede per il prossimo futuro?

Al giorno d’oggi la trasformazione digitale è ovunque e le persone la usano per avere dispositivi intelligenti nelle loro tasche per connettersi con le informazioni. Le biblioteche stanno facendo un grande sforzo per ottenere anch’esse i servizi digitali. A mio parere, le biblioteche del patrimonio hanno un ruolo costante nel digitalizzare e diffondere le loro collezioni principali dando accesso all’informazione tramite internet. Le biblioteche pubbliche dovrebbero rafforzare i loro servizi di biblioteche digitali, compresa la lettura, essendo ciò di cui i cittadini hanno bisogno per ottimizzare il proprio lavoro. Rispondendo alla domanda su “quale sarebbe il mio desiderio per tutte le tipologie di biblioteche” la risposta sarebbe quella di avere una buona comprensione di ciò che è importante per le comunità alle quali servono i loro servizi. Inoltre diventare i motori del cambiamento in qualsiasi contesto, per quanto riguarda le diverse esigenze, significa lavorare direttamente con le persone per fornire loro le competenze, per consentire agli utenti di diventare i migliori utenti dei servizi della biblioteca digitale. 

Come e cosa può fare un’istituzione quale IFLA per sostenere e incitare questo processo di valorizzazione della biblioteca in maniera capillare (o quasi) nel mondo?

IFLA è la voce globale delle biblioteche, riconosciuta come l’organizzazione principale che rappresenta il mondo delle biblioteche in tutto il mondo. Durante questi ultimi 2 anni, l’IFLA ha affrontato un importante processo riguardante la visione globale delle biblioteche per affrontare le sfide della globalizzazione e scoprire nuove opportunità per rafforzare il campo della biblioteca e migliorare la biblioteca in modo inclusivo e partecipativo. Questo processo ha avuto una risposta assoluta di oltre 33.000 bibliotecari che sono sintonizzati sulla trasformazione del mondo delle biblioteche e sui possibili cambiamenti di cui abbiamo bisogno per affrontare le biblioteche in futuro. Sono fiduciosa che il movimento di trasformazione e il cambiamento di mentalità dei bibliotecari stanno diventando un modo per capire che insieme possiamo ottenere il nostro futuro.

Giulio si è appena laureato in Scienze Biblioteconomiche e vuole fare il bibliotecario: cosa gli consiglierebbe?

Alcuni anni fa ho ricevuto, da Julián Marquina, una collega spagnola, un’intervista che ha condiviso con i suoi studenti dell’ultimo anno di laurea in biblioteconomia. Sono stata felice di costruire questo Decalogo che ritengo sia ancora utile: quindi direi a Giulio di seguire questi 10 passi:

  1. Empatia: cosa ne pensi delle esigenze dei tuoi utenti?
  2. Gergo: usa un linguaggio vicino agli utenti e nel contesto appropriato. Comprensione degli utenti
  3. Strategia: essere strategico; pianifica i tuoi servizi e i tuoi prodotti sempre da una prospettiva di necessità.
  4. Quadro giuridico. Partecipa al quadro giuridico, ma per favore sii pratico.
  5. Gestione delle modifiche: vai avanti e cambia le cose … non eseguirle come hanno sempre fatto tutti.
  6. Lavoro di squadra: la somma favorisce sempre, moltiplica.
  7. Valuta: lavora con gli indicatori e pensa che i servizi devono sempre essere redditizi.
  8. Innovazione: sii audace, innovativo e coraggioso. Proponi cose di cui ne valga la pena e che siano fattibili.
  9. Tieniti aggiornato: non smettere mai di allenarti, di essere sempre al corrente di problemi professionali, vedere le ultime notizie …
  10. Prova ad essere molto felice.

Grazie di questa opportunità che mi permetterà di comunicare con i miei colleghi italiani.

Please follow and like us:
error

L'autore

Mario Coffa
Mario Coffa
Mario Coffa archivista e bibliotecario, laureato in Conservazione dei Beni Culturali presso l’Università degli Studi di Perugia (2005) e diplomato in Archivistica e Paleografia presso la Scuola di Archivistica dell’Archivio Segreto Vaticano (2010). Lavora per CAeB (Cooperativa Archivistica e Bibliotecaria) presso le biblioteche dell’Università di Perugia dal 2009 come bibliotecario. Si occupa anche di Biblioteche Digitali e formazione in ambito di biblioteconomia digitale. Nel 2014 membro del Comitato Esecutivo Regionale dell’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) sezione Umbria, membro del gruppo AIB sul portfolio professionale e dal 2017 Presidente eletto di AIB Umbria. Autore di diversi articoli e interviste per Insula Europea sul tema degli archivi, delle biblioteche e del digital lending.

Link:

https://mariocoffa.wixsite.com/e-portfolio

http://vegajournal.academia.edu/MarioCoffa