In primo piano · Libro Futuro

Condivisione, biblioteche digitali e formazione. Essere bibliotecari in Bangladesh. Mario Coffa intervista Dilara Begum

Interview in English

Dilara Begum è professore associato e presidente del Dipartimento di Studi sull’Informazione e Gestione delle Biblioteche e bibliotecaria presso la East West University di Dhaka in Bangladesh. Ha lavorato come docente a tempo pieno presso la Maldives National University nel 2011. E’ stata un ex membro dell’IFLA presso ALP (Victoria University of Wellington, Nuova Zelanda). È stata eletta presidente del comitato della divisione professionale e membro del comitato della divisione regionale dell’Asia Oceania di IFLA per il 2021-2023. Lavora come coordinatrice delle informazioni della Sezione Asia e Oceania dell’IFLA ed è membro del comitato permanente della sezione Management e Marketing dell’IFLA. Ha ricoperto una serie di ruoli significativi e diversi tra cui il Country Coordinator of Information Literacy Consortium sponsorizzato dall’UNESCO come membro del Comitato permanente ECIL dal 2013 per organizzare la Conferenza europea sull’alfabetizzazione informatica. Svolge anche il ruolo di Segretario Generale, Digital Library Network of South Asia (DLNetSA). È stata eletta Senior Vice President e Women’s Affairs Secretary della Library Association of Bangladesh (LAB) dal 2009-2014 ed è stata presidente ad interim della Library Association of Bangladesh (LAB) nel 2012. È stata invitata dall’Ufficio di presidenza del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Ha collaborato al programma di scambio professionale di Educational and Cultural Affairs (ECA) come leader e studiosa straniera per partecipare all’International Visitor Leadership Program (IVLP) per incontrare colleghi americani e conoscere meglio gli Stati Uniti, la sua cultura e la sua gente. Recentemente è stata insignita del prestigioso “Prof. Indira Parikh 50 Women in Education Leaders” in riconoscimento del suo contributo al proprio settore a livello nazionale e internazionale. È considerata una delle pioniere dello sviluppo della Biblioteca digitale in Bangladesh, nonché un’esperta internazionale nei settori menzionati.

Dilara, come prima domanda puoi spiegarci brevemente di cosa ti occupi e in che cosa consiste il tuo lavoro?

Grazie per avermi invitato e sono così entusiasta di entrare a far parte di questo meraviglioso progetto. Vari fenomeni di cambiamento hanno un impatto sulle biblioteche accademiche. Vorrei evidenziare ad esempio due esempi fondamentali che sono lo stato dell’economia e il suo impatto sull’istruzione superiore oltre alle esigenze mutevoli degli studenti e tecnologia in rapida espansione. A causa della rapida trasformazione delle ICT, anche i ruoli, le responsabilità e le attività degli accademici e dei professionisti stanno cambiando nel tempo. È abbastanza ovvio che per far fronte a questo flusso di tecnologie moderne, i professionisti delle biblioteche e delle scienze dell’informazione (LIS) devono rimodellare e ripensare i loro ruoli come facilitatori della conoscenza, mentori e coach. Il governo del Bangladesh ha abbracciato la Politica nazionale sull’istruzione 2010 sull’importanza dell’apprendimento permanente e la premessa dell’apprendimento permanente è incorniciato dall’alfabetizzazione mediatica e informativa (MIL) che è considerata un’arma efficace per tutti i livelli di istruzione. Essendo una bibliotecaria universitaria e professore associato, ho sottolineato l’importanza di educare la mia comunità su come diventare un cittadino esperto di media e informazioni e sviluppare competenze di alfabetizzazione digitale. Sto anche lavorando come facilitatore, avvocato e consulente per diverse istituzioni in patria e all’estero per promuovere il valore e le attività diversificate delle biblioteche e dei professionisti LIS.

Per 20 anni ti sei occupata di formazione. In una professione specializzata ed eterogenea come quella del bibliotecario, quanto è importante la formazione e quanto è necessaria al fine di valorizzare maggiormente tale figura? 

Penso sempre che i professionisti siano educatori di primaria importanza in grado di identificare un divario tra teoria e pratica in ogni settore dell’istruzione. Quindi, credo fermamente che la collaborazione tra accademici e professionisti ci aiuti a sviluppare abilità professionali per tutta la vita e una formazione professionale significativa in ogni settore della nostra vita. Gli accademici possono identificare le aree in cui i propri piani di ricerca corrispondono ai professionisti e spiegare la rilevanza dei risultati della loro ricerca per implementarli nelle istituzioni o dove lavorano. Ho una conoscenza ampia e profonda della necessità di fornire e ricercare formazione e sviluppo professionale per le persone svantaggiate. Le esperienze formative nel campo della gestione delle biblioteche mi insegnano che il ruolo del professionista LIS non si limita alle pagine dei libri. Le biblioteche di oggi agiscono come un centro sociale, pieno di servizi collegiali, collaborativi e innovativi e le tecnologie contemporanee sono le benedizioni per trasformare le biblioteche come centri di informazione in una società. Il nostro contributo può essere efficace per realizzare diverse riforme sociali ed economiche. Le mie persistenti iniziative per l’organizzazione della formazione mirano a trasformare i ruoli dei professionisti LIS da un approccio convenzionale a uno progressivo.

Sei stata Segretario Generale per Digital Library Network of South Asia (DLNetSA) e sei considerata una dei pionieri in questo tema; che impatto ha avuto secondo te il digitale (social media, banche dati, open access) sulle biblioteche in Bangladesh, specie dopo l’esperienza della pandemia? 

Digital Library Network of South Asia (DLNetSA) è un consorzio regionale della regione dell’Asia meridionale. L’obiettivo è creare una rete di biblioteche digitali operativa e sostenibile con l’obiettivo di fornire supporto al sistema bibliotecario integrato e alle attività delle biblioteche digitali. L’infrastruttura finanziaria e tecnologica delle biblioteche del Bangladesh non è in uno stato tale che tutte adotteranno rapidamente la tecnologia digitale. È difficile per le biblioteche del Bangladesh costruire biblioteche digitali a causa della mancanza di sufficiente comprensione, competenze tecnologiche e risorse. Il motto del governo del Bangladesh, “Bangladesh digitale”, è indiscutibile per il progresso nazionale. La Digital Bangladesh Vision 2021 mira ad aumentare l’uso delle tecnologie digitali da parte del Paese. Diverse iniziative di digitalizzazione sono state completate, mentre molte altre sono in corso. Le biblioteche del Bangladesh stanno lavorando per trasformare in realtà il motto del Paese. Le biblioteche in Bangladesh utilizzano le tecnologie digitali per migliorare i loro servizi digitalizzando i loro materiali in modo che possano essere accessibili a chiunque, indipendentemente dall’ora o dal luogo. Tuttavia, la creazione di biblioteche digitali a lungo termine è una grande sfida per i professionisti LIS in Bangladesh. Ci stiamo rendendo conto che la pandemia ha senza dubbio causato enormi problemi nell’istruzione superiore. Tuttavia, il COVID-19 ci ha insegnato come diventare esperti di tecnologia. Le biblioteche di tutto il mondo hanno dovuto affrontare sfide di blocco nel fornire accesso alle sue collezioni e ai suoi servizi. Tutti i tipi di biblioteche hanno promosso i loro servizi digitali durante la situazione di pandemia del virus corona. Le biblioteche digitali, le risorse elettroniche e i social media hanno avuto un impatto significativo durante questa situazione di pandemia. Allo stesso modo, ad altre biblioteche, la biblioteca della East West University sta lavorando per fornire servizi online ai nostri utenti in modo che possano continuare il loro percorso accademico nella situazione attuale. I tempi sono duri in questo momento, ma crediamo di poter aiutare e queste piattaforme sono il modo migliore per assicurare agli utenti che la biblioteca può continuare a funzionare.

Il tuo ruolo in IFLA ti ha permesso di avere una visione più ampia a livello internazionale che va oltre i confini del tuo paese. In che direzione stiamo andando negli ultimi anni nel nostro servizio di informazione e come promotori di lettura, cultura e formazione? 

Le biblioteche di oggi in tutto il mondo fungono da hub sociale e la biblioteca della East West University (EWU) offre nuovi servizi organizzando programmi diversificati per rendere l’ambiente per i nostri utenti simile a quel tipo di biblioteca non limitata alle pagine dei libri di cui parlavo prima. Qui, vorrei menzionare l’osservazione della Giornata Internazionale della Pace per sottolineare le mie opinioni. La nostra biblioteca ha invitato gli utenti a riunirsi per formare una catena umana del segno della pace e a coinvolgere i clienti a comprendere la Dichiarazione universale dei diritti umani e ad ottenere le loro opinioni sul diritto alla pace. Come ho detto prima, i professionisti della LIS sono responsabili dell’attuazione di varie riforme sociali. Ad esempio: contribuire all’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e agli SDGs offrendo spazi civici reali e virtuali in cui i cittadini possano parlare liberamente, realizzare i propri diritti di cittadini ed educarli sulle leggi che devono rispettare. Tuttavia, nello svolgere questo tipo di servizi a favore delle nostre comunità, ho dovuto affrontare sfide per cambiare le opinioni sulla biblioteca. Ho partecipato ad attività internazionali e queste piattaforme hanno ampliato le mie prospettive sui ruoli dei professionisti LIS e mi aiutano a tenermi informato sulle ultime tendenze delle biblioteche globali.

Recentemente ti è stato assegnato il prestigioso premio “Prof. Indira Parikh 50 Women in Education Leaders”. Cosa ha significato per te questo riconoscimento?

È un grande onore per me aver ricevuto questo prestigioso premio, “Prof. Indira Parikh 50 Women in Education Leaders” il 5 luglio 2018 a Mumbai in occasione del World Education Congress. Il premio viene assegnato a 50 donne che contribuiscono all’elevazione dei loro settori. Il World Education Congress si concentra sulla capacità di influenzare la cultura dell’istruzione e della pedagogia educativa, costruendo una visione e strategie per gli istituti di istruzione superiore, fornendo esposizione ai più recenti strumenti, tecnologie e soluzioni educative e incoraggiando la collaborazione e il partenariato tra le istituzioni.

Questo progetto, il Library World Tour, ha tra i suoi scopi quello di creare una grande rete di condivisione con bibliotecari (e non solo) di tutto il mondo. Cosa ne pensi a riguardo?

Questo progetto è davvero una grande iniziativa. Le preziose voci, i pensieri e le esperienze dei professionisti LIS provenienti da diverse parti del mondo daranno un forte contributo al lavoro di molte biblioteche e al lavoro dei professionisti LIS. Spero che questo progetto sia un’ottima piattaforma per condividere i pensieri, le conoscenze, le tecnologie LIS e le competenze dei professionisti LIS di tutto il mondo.

L'autore

Mario Coffa
Mario Coffa
Mario Coffa archivista e bibliotecario, laureato in Conservazione dei Beni Culturali presso l’Università degli Studi di Perugia (2005) e diplomato in Archivistica e Paleografia presso la Scuola di Archivistica dell’Archivio Segreto Vaticano (2010). Dal 2010 Lavora per CAeB (Cooperativa Archivistica e Bibliotecaria) presso le biblioteche dell’Università di Perugia come bibliotecario e come archivista presso l'Archivio Storico del Comune di Gubbio. Si occupa di Biblioteche Digitali e formazione in ambito di biblioteconomia digitale. Nel 2014 membro del Comitato Esecutivo Regionale dell’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) sezione Umbria, membro del gruppo AIB sul portfolio professionale e nel triennio 2017-2020 Presidente eletto di AIB Umbria. Dal 2020 membro dell'Osservatorio Formazione dell'Associazione Italiana Biblioteche. Autore di diversi articoli e interviste per Insula Europea sul tema degli archivi, delle biblioteche e del digital lending.

Link:

https://mariocoffa.wixsite.com/e-portfolio

http://vegajournal.academia.edu/MarioCoffa

One thought on “Condivisione, biblioteche digitali e formazione. Essere bibliotecari in Bangladesh. Mario Coffa intervista Dilara Begum

Comments are closed.