Interventi

Mann / Visconti: miti a confronto

Anche se non è stato frequente oggetto di studio, la presenza del “mito” in Thomas Mann, ha interessato non pochi autori, in particolare Furio Jesi, uno dei maggiori “mitologi” italiani del 900. La questione fondamentale in Mann è ovviamente cosa questi intenda per mito e per quale ragione i suoi romanzi, in particolare “Morte a Venezia”, facciano continuamente ricorso a materiali mitologici. L’articolo cerca di dare una risposta, certamente sintetica, alla domanda, confrontando poi il ruolo che il mito svolge nel racconto di Mann con lo spazio che invece gli concede Luchino Visconti nel noto film che dal racconto dello scrittore tedesco trae ispirazione.

Mann e Visconti

luigi.cimmino@unipg.it

L'autore

Luigi Cimmino
Luigi Cimmino
Luigi Cimmino insegna Gnoseologia, Filosofia della Mente e Paradigmi Etici all'Università di Perugia. Si interessa in particolare di teoria della conoscenza e di ontologia (specificamente l'ontologia del tempo), ma ha scritto anche testi di filosofia morale  Fra le sue ultime monografie Tempo ed esperienza. Intenzionalità, azione, filosofie del tempo (Aguaplano, Perugia 2019) e Introduzione all'epistemologia della mente (Rubbettino, Soveria Mannelli 2014). Di prossima pubblicazione Paradigmi etici (Aguaplano) e Narciso in frantumi. L'umano e il suo bisogno di una seconda identità (Rubbettino).