Interventi

Idee per il futuro dei festival letterari, di Vincenzo Santoro

A nove mesi dall’insediamento dell’aprile scorso a Torino, giovedì 9 gennaio 2014 è tornato a riunirsi a Roma al Teatro dei Dioscuri il coordinamento delle Città del Libro: le città d’Italia, grandi e piccole, che organizzano festival e Saloni dedicati al libro e alla letteratura e alla cultura editoriale. Questo progetto è nato su iniziativa del Centro per il Libro del Mibact, del Salone Internazionale del libro di Torino e dell’Anci, con l’obiettivo di mettere in relazione le realtà più significative che sono maturate in questi anni, per permettere un confronto di esperienze e di idee, per elaborare strategie comuni (e servizi: ad esempio a Roma è stato presentato un portale nazionale che racconta e raccorda tutti i festival, che a breve dovrebbe andare online), ma anche per definire strumenti di maggiore valorizzazione della peculiarità culturale che questo “movimento” rappresenta e chiedere un qualche tipo di riconoscimento nazionale.
Alla giornata hanno partecipato le rappresentanze di circa 70 città. Da Torino, città del “Salone Internazionale del Libro”, a Roma con “Più libri, più liberi” e “FestivalLetterature”, a Milano con “BookCity”, a località sedi di importanti festival come Mantova, Pordenone, Modena, fino a piccoli centri come Sarzana, Gavoi, Lamezia Terme, che hanno saputo creare iniziative di valenza nazionale.
Si tratta, com’è evidente, di una delle reti culturali più importanti del nostro Paese, composta da realtà molto disparate, accomunate però da un modo originale e innovativo di promuovere la cultura, che coinvolge migliaia e migliaia di cittadini in incontri con scrittori, scienziati ed intellettuali di caratura nazionale e internazionale. Tutto questo anche con notevoli ricadute sul piano economico e della promozione territoriale.
Dal convegno di Torino sono emerse alcuni temi interessanti per le future attività, tra cui la necessità di adottare un sistema di misurazione dell’impatto sui territori dei singoli festival e la questione fondamentale delle strategie di autofinanziamento. Inoltre, Gian Arturo Ferrari, presidente del Cepell, ha lanciato la proposta di riunire a Torino, nella seconda metà dell’anno, in coincidenza con il semestre italiano di presidenza dell’UE, alcuni fra i festival letterari più importanti d’Europa, per mettere a confronto queste esperienze significative, e, proprio a partire da queste, discutere dell’idea di identità europea. E, come corollario, di presentare una sorta di piccolo “Erasmus della Cultura”, un progetto di mobilità dei giovani volontari che collaborano ai festival.
D’altra parte, non possiamo nasconderci che questo genere di iniziative, che funzionano benissimo come strumenti di animazione culturale e promozione territoriale, nella stragrande maggioranza dei casi si rivolgono soprattutto a chi già legge, avendo un’incidenza quasi nulla sui “non lettori”, che nel nostro Paese, non dimentichiamolo, sono tantissimi, e addirittura in aumento: secondo l’ultima indagine Istat, in Italia nel 2013 la quota di lettori di libri , cioè di “persone di 6 anni e più che dichiarano di aver letto, nei 12 mesi precedenti, almeno un libro per motivi non strettamente scolastici o professionali” è scesa al 43% (dal 46% del 2012). Dato peraltro ulteriormente aggravato dai soliti forti squilibri territoriali: nelle regioni settentrionali legge oltre la metà della popolazione, mentre nel Sud e nelle Isole la quota di lettori è pari solo al 30,7%.
Su questo aspetto, che segnala una gravissima arretratezza italiana rispetto agli altri paesi civili, sarà possibile incidere soltanto con un piano di lungo respiro, che intervenga su vari ambiti (soprattutto su quello delle agenzie formative primarie, delle biblioteche di base e degli operatori specializzati) in maniera massiccia. Di un costo e di una complessità notevoli dunque, che, in questo momento storico, al di là della buona volontà dei singoli, appaiono molto difficili da ottenere dalla politica nazionale.

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License

Please follow and like us:
error

L'autore

Santoro Vincenzo
Santoro Vincenzo
Vincenzo Santoro è nato ad Alessano (Le) il primo febbraio 1970. Nel corso dell’esperienza universitaria a Pisa, partecipa al movimento studentesco “La Pantera” e comincia un percorso di lavoro e approfondimento sui temi della rappresentanza studentesca e del diritto allo studio, che in seguito svilupperà collaborando alla fondazione del sindacato studentesco Unione degli Universitari (in cui farà parte del primo esecutivo nazionale, dal 1994 al 1997) e poi come collaboratore del Ministero dell’Università (dal 1998 al 2001). Eletto nel consiglio comunale del suo comune (Alessano, Lecce), svolgerà l’incarico di consigliere delegato alla cultura dal 1997 al 2000.
Parallelamente, svilupperà un’attenzione ai temi delle culture e delle musiche tradizionali (con particolare riferimento alla sua terra di origine, il Salento), contribuendo a numerosi progetti culturali e realizzando diverse pubblicazioni, fra cui (insieme a Sergio Torsello) Il Ritmo meridiano. La pizzica e le identità danzanti del Salento (2002), Il Salento Levantino. Memoria e racconto del tabacco a Tricase e in Terra d’Otranto ( 2005) e Il ritorno della taranta. Storia della rinascita della musica popolare salentina (2009) .
Altra pubblicazione importante da lui curata è Manifesto di Pace (2002) raccolta degli articoli scritti per il quotidiano il manifesto dal 1990 al 1992 da Don Tonino Bello, vescovo di Molfetta e esponente importante del movimento per la pace.
Dal 2004 lavora presso l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, dove attualmente è responsabile del Dipartimento Cultura e Turismo.
Nel 2015, con Antonella Agnoli, ha curato la pubblicazione di Un viaggio fra le biblioteche italiane, volume che riassume i risultati di una ricerca condotta in quaranta biblioteche “di base” distribuite su cinque province e una regione, per conto del Centro per il libro e la lettura del Mibact.
Di recente uscita per l’editore Squilibri è il saggio Odino nella terra del rimorso. Eugenio Barba e l’Odin Teatret in Sardegna e Salento, 1973-1975.