avvenimenti · In primo piano

Chengdu, un angolo di Cina alla Florence Design Week, di Antonello Tolve

Per integrarsi attivamente nella costruzione dell’iniziativa One Belt One Road, il 5 giugno, in occasione della settimana fiorentina del design, è stato dato il benvenuto alla delegazione dell’Ufficio di Commercio della Città di Chengdu, che si è recata in Italia per organizzare un’esposizione e una conferenza di promozione con tema i Servizi di Chengdu e Creatività di Chengdu. Gli obiettivi naturalmente sono quelli di allargare gli spazi di collaborazione tra Chengdu e l’Europa (la delegazione ha già avviato eventi di promozione economica e commerciale in Svezia), di aprire strade più ampie e feconde, di creare integrazioni e rapporti di partecipazione internazionale sia sul piano culturale che su quello commerciale.

Composta da una decina di imprese e istituti di cultura e creatività, la delegazione di Chengdu non solo ha partecipato attivamente alla Florence Creativity & Design Week, ma ha anche incontrato i responsabili dei rispettivi enti italiani e visitato numerosi istituti artistici (come la Numeroventi e l’Iaspis), per costruire infatti maggiori collegamenti  con il mondo della cultura e dell’industria italiane.

Discussioni sull’arte moderna e contemporanea, progetti di ricerca e sviluppo del design, lancio di prodotti innovativi, come pure progetti di scambio tra artisti italiani e cinesi, sono stati, di questo importante incontro, le linee d’apertura a progetti futuri tra la culla della cultura italiana e una città straordinaria il cui simbolo è il panda gigante (nelle vicinanze della città, si trova il Chengdu Panda Base, importante riserva naturale e centro di ricerche su questo amatissimo animale) e le cui tradizioni culinarie hanno portato l’UNESCO a definirla, nel 2011, City of Gastronomy.

Con i suoi oltre duemila anni (fu fatta costruire dal primo Imperatore, Qin Shi Huang, che l’ha nominata capitale del suo impero), Chengdu è una città culturale mondiale con profonde risorse interne e si trova in una posizione privilegiata che la rende uno snodo strategico, un punto di collegamento per enti internazionali provenienti da tutto il mondo.

La pianificazione e l’organizzazione del progetto di cooperazione tra la delegazione del Servizi di Chengdu e l’Europa sono iniziate lo scorso marzo: l’ente organizzativo si è recato numerose volte in Italia e in Svezia per organizzare al meglio gli accordi con i vari partner coinvolti.

«La nostra speranza è quello di rafforzare ulteriormente le cooperazioni tra Italia e Chengdu attraverso la stipulazione di relativi accordi e contratti», hanno precisato gli organizzatori, ma anche di far conoscere al mondo una città elegante e ricca di verde che nel corso dei secoli ha mantenuto il proprio nome originario, nonché un ruolo di rilievo in quando centro degli affari politici, commerciali e militari della zona del Sichuan, un tempo appartenente al Regno di Shu.

«La Florence Design Week racchiude i migliori lavori contemporanei su varie categorie del design, attirando professionisti e compratori internazionali da tutto il mondo. È una piattaforma di alto livello sia perché Chengdu possa aprirsi al mondo, sia perché il mondo possa conoscere Chengdu. È per questo che ci siamo orientati verso la partecipazione a questo evento dove il design creativo non solo porta nuove energie a Servizi di Chengdu e Creatività di Chengdu, ma auspichiamo che possa diventare nel prossimo futuro un nuovo canale, un nuovo strumento di comunicazione tra Chengdu e il mondo».