avvenimenti · In primo piano

Questionario pasoliniano. Dialogo con Angelo Favaro

Ispirandosi alle “Sette domande sulla poesia” di Moravia, Solmi e Carocci pubblicate sulla rivista “Nuovi Argomenti” nel 1962, nel suo volume pone, come da titolo, sei domande su Pasolini, a ben diciotto giovani poeti (nati tra il 1983 e il 2001), in un esperimento che lei ha definito una “sfida temeraria”. Che genere di difficoltà… Continue reading Questionario pasoliniano. Dialogo con Angelo Favaro

avvenimenti · In primo piano

Ritsos tra penombra e oscurità

La poesia di Ritsos si aggira tra la penombra e l’oscurità: a deciderne la sorte sono gli umori della luna, a volte balbuziente, altre triste, impartecipe; la luna multiforme, la sua notte e le sue nuvole svolgono fatalmente il ruolo di interlocutori silenziosi, che pure svelano, ammoniscono, ricordano. Nell’assenza, il buio niente domanda. Il Vecchio… Continue reading Ritsos tra penombra e oscurità

avvenimenti · In primo piano

“Del mio paese popolato come un poema”. Dialogo con Vittoria Corallo

Martedì 14 giugno alle ore 21, presso la Sala dei Notari di Perugia, sarà proiettato per la prima volta il tuo film “Del mio paese popolato come un poema”, un omaggio a Pier Paolo Pasolini in occasione del centenario dalla nascita. Come ha avuto origine l’idea di un cortometraggio e chi ha preso parte alla… Continue reading “Del mio paese popolato come un poema”. Dialogo con Vittoria Corallo

In primo piano · poetare nelle varie lingue d'Italia

«un fat udór d’tëra / e d’érba sghêda». Giulia Grillenzoni dialoga con Giuseppe Bellosi

La sua antologia s’intitola Smarìs, «smarrirsi». La parola ha tre occorrenze all’interno della raccolta; l’ultima di queste si ha nell’VIII componimento di Requiem, ove l’io lirico s’interroga sul senso stesso dello smarrimento, che pure ha radici accidentali, contingenti: «e s’l’era un’êtra strê?» (v. 3). Dallo sgomento provocato dall’inettitudine dei sensi, la voce poetante arriva a… Continue reading «un fat udór d’tëra / e d’érba sghêda». Giulia Grillenzoni dialoga con Giuseppe Bellosi